Cinque ristoranti a Madrid per gustare questo piatto italiano internazionale

Piatto di pasta DO Parmigiano – DO PARMIGIANO – archivio

MADRID, 23 ottobre (EUROPE PRESS) –

Questa domenica, 25 ottobre, il Giornata mondiale della pasta, Una giornata per mettere in risalto un prodotto realizzato universalmente dagli italiani e per scoprire l’ampio ricettario di questo alimento versatile e nutriente che fa già parte dell’offerta gastronomica di praticamente ogni cultura.

Perciò, Anche la mozzarella (c / Gran Vía, 55) ricorda questa giornata culinaria con un’ampia selezione di primi piatti, dove spiccano due classici italiani come l’icona Lasagna alla bolognese e il Tagliatelle BolognaAnche i Rigatoni al Forno, i ravioli di manzo o le linguine di gamberi rossi possono essere provati nella sua stanza.

Per chi preferisce essere intrappolato in angoli pieni di colore e spazi unici, non c’è niente di meglio che fermarsi in uno dei nuovi arrivati ​​nella capitale Bel Mondo (Velázquez, 39) che nasconde un pezzo d’Italia nel cuore di Madrid. Lì, lo chef napoletano Ciro Cristiano sorprende la cena con piatti di pasta fresca come Girella ‘Alla Norma’, un gigantesco cannellone ripieno di Ricotta di Bufala Salvatore Corso, melanzane e pomodorini canditi con un pizzico di basilico o “La Grande Carbonara”, Croccanti spaghetti al guanciale toscano con tuorlo d’uovo, serviti nel cuore della forma del pecorino Borgo Antico.

È anche possibile gustare un delizioso pasto senza dover visitare un ristorante italiano. Un esempio di questo è Il giardino di Alma (c / Arturo Soria, 207), dove, se il tempo lo permette, puoi goderti nel tuo ambiente speciale a tavola con il tuo cannelloni a scatti oppure la coda di bue alla Cordobesa al tartufo nero.

Anche in Premiata Forneria Ballarò (c / Santa Engracia, 90) celebra questa giornata con un omaggio alla pasta e al leggendario curatore siciliano Montalbano con un menù ispirato alle ricette che compaiono sulle pagine della mitica saga di Andrea Camilleri. Questo primo menù è dedicato ad Adelina, cuoca e governante di Montalbano, e propone i classici piatti siciliani ovunque vadano Pasta ‘ncasciata’ e “triglie fritte”, che terminano con a ‘Cassata’, il dolce tradizionale siciliano.

Un’altra opzione è avvicinarsi Trattoria Popolare (c / Larra, 13), dove ci è permesso entrare in una trattoria situata in una delle strade acciottolate di Roma, Firenze o Napoli per assaggiare la pasta fresca fatta a mano dai fratelli Figurato o per assaggiare la loro Raviolon ripieno di agnello e ricotta. Chi preferisce può provare ricette della tradizione italiana o abbinamenti meno convenzionali come: Bigoli con Parmigiano Reggiano e Pecorino, pere caramellate e menta.

Lascia un commento