Conte entrerebbe come quarta forza se fondasse un partito in Italia

Matarella inizia il giro di consultazione con i dubbi sulla fattibilità del governo di “riscatto nazionale” proposto da Conte

MADRID, 27 gennaio (EUROPA-PRESSE) –

La scena politica che si è aperta in Italia a seguito delle dimissioni del premier Giuseppe Conte ha scatenato speculazioni su come potrebbe essere distribuita la torta politica in caso di elezioni anticipate, in cui l’attuale presidente potrebbe agire come quarta forza politica se scegliesse di formarsi. una festa.

Lo arriva da un sondaggio pubblicato dalla catena Rai, in cui si intende votare con il 10,2 per cento per l’ipotetico partito Conte, che a giugno 2018 come elemento di consenso esterno tra il movimento 5 stelle (M5S) e la Lega. Quel primo governo fallì, ma Conte rimase primo ministro in virtù di un accordo che vedeva il M5S e il Partito Democratico (PD) come principali fautori.

L’attuale presidente del Consiglio non ha mai annunciato pubblicamente la sua intenzione di formare un partito, e almeno per il momento l’intento delle formazioni che lo sostengono è cercare una nuova maggioranza che consenta la formazione di un nuovo governo – -il già battezzato ” Conte ter ‘-.

La Lega di Matteo Salvini è favorevole a nuove elezioni, di cui “a priori” gioverebbe maggiormente se gli italiani tornassero a votare. Secondo il sondaggio otterrebbe il 24 per cento dei voti, numero che scenderebbe di un solo punto se Conte decidesse di fare un passo avanti.

Il PD resta la seconda forza con il 19,8 per cento di intenti di voto, anche se nel caso della formazione principale di sinistra la percentuale con Conte in campo scenderebbe di 3,3 punti. I fratelli dell’estremismo di destra italiani sono al terzo posto con il 16,3 per cento e, a seconda dello scenario, aggiungerebbero solo tre decimi se la nuova formazione dovesse entrare.

Quello più danneggiato dall’ipotetico partito di Conte sarebbe il loro principale fautore, il M5S, che scenderebbe di 5,1 decimi e otterrebbe solo l’8,7 per cento dei voti, il che li avvicinerebbe ai dati di Forza Italia, la formazione che guida l’ex Primo Presidente. Il ministro Silvio Berlusconi. Italia Viva, il partito di Matteo Renzi, è intorno al 4 per cento.

GIRO DI CONSULENZE

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, avvierà questo martedì alle ore 17 il ciclo di consultazioni con i vari partiti, che inizierà con il ricevimento dei vertici degli organi legislativi. Mercoledì gli incontri si chiuderanno e il M5S sarà l’ultimo a sfilare al Quirinale.

Il ritiro di Italia Viva dal governo ha costretto Conte ei suoi soci a rinegoziare la maggioranza. In un messaggio su Facebook martedì, il primo ministro si è espresso a favore di un governo di “salvezza nazionale” volto ad approvare le prossime riforme e garantire la stabilità politica del paese in mezzo alla pandemia di coronavirus.

I numeri al momento non sembrano uscire e il sostegno degli alleati di Renzi che hanno promesso di presentarsi “indenni” al suo incontro con Mattarella potrebbe tornare fondamentale. Tuttavia, negli ultimi giorni il M5S e il PD non hanno risparmiato critiche nei confronti del loro ex partner, che accusano personalmente della crisi.

I media danno per scontato che sarà difficile per i partiti proporre un candidato alternativo che verrà dalle proprie fila se non è Conte. Una delle ipotesi che si sta delineando è quindi la nomina di un tecnocrate a capo dell’esecutivo con l’obiettivo di garantire stabilità fino alle prossime elezioni.

Avrebbe perso forza il nome dell’ex presidente della Banca centrale europea (Bce), Mari Draghi, e altri come quello dell’economista Carlo Cottarelli, quello del giudice Marta Cartabia e quello del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, l’Adnkronos l’agenzia annovera entrambe le donne tra le favorite.

Berlusconi ha anche sollevato l’idea di un governo di unità nazionale, sebbene i principali partiti di destra abbiano opposto alleanze dall’altra parte del corpo politico. La Lega ei Fratelli d’Italia sono sostenitori dichiarati delle elezioni.

Lascia un commento