“Dobbiamo resistere alla tentazione di rinunciare a investire in tempi di crisi”

MADRID, 28 ottobre (EUROPA PRESS) –

La ‘VP Country Manager’ di Amazon in Spagna e Italia, Mariangela Marseglia, si è assicurata che i 3.000 milioni di euro che l’azienda ha investito in logistica, tecnologia e formazione in Spagna dal 2011 rendano possibile il colosso dell’e-commerce dobbiamo “rispondere” efficacemente alla crisi, quindi “dobbiamo resistere alla tentazione di abbandonare gli investimenti in tempi di crisi”

A suo avviso, investire nella digitalizzazione e nella formazione dei dipendenti sarà la chiave per creare aziende più resilienti a contesti di crisi come quelli generati dal Covid-19. “La cosa più semplice in una crisi è fermare gli sviluppi nella tecnologia e nella modernizzazione”, ha detto il management di Amazon, che ha affermato di “resistere alla tentazione di rinunciare agli investimenti”.

Durante il suo discorso al Congresso AECOC, Marseglia ha chiesto ai dirigenti riuniti a Valencia di accelerare questi investimenti nei prossimi mesi, ricorrendo all’esempio della sua azienda per illustrare come queste scommesse stiano portando a organizzazioni più resilienti.

“Ciò che ha consentito ad Amazon di rispondere rapidamente ed efficacemente alle sfide della pandemia sono stati i 3.000 milioni di euro investiti in logistica, tecnologia e formazione del personale in Spagna negli ultimi nove anni”, ha affermato.

Marseglia, infatti, si è concentrata sull’investimento nella formazione dei dipendenti, poiché il processo di digitalizzazione del Covid-19 sta già accelerando e rischia di cambiare radicalmente molti luoghi di lavoro. “La nuova normalità farà scomparire alcuni posti di lavoro, ma creerà anche nuovi spazi che richiedono nuove competenze, come la padronanza tecnologica o la sostenibilità. Queste sono le aree in cui sono necessari maggiori investimenti”, ha detto.

SFIDE PER LE AZIENDE SPAGNOLE

Il consiglio di amministrazione di Amazon ha anche esaminato la situazione delle aziende spagnole a seguito dei cambiamenti causati dal Covid-19. “In Spagna, più del 90% delle vendite avviene nei negozi fisici. Questo è il formato che soffre maggiormente di questa crisi”, ha detto.

Marseglia ha osservato che durante la detenzione, molti consumatori hanno scoperto che la “vendita al dettaglio online” offre buoni prezzi, convenienza, velocità e un ampio catalogo “, motivo per cui” il futuro dovrebbe essere più multicanale che mai “. Nonostante questo boom dell’e-commerce, si è assicurato che non vi siano conflitti tra commercio online e negozi fisici che continueranno ad essere importanti.

Tuttavia, ha chiesto alle aziende spagnole “di investire nella digitalizzazione e anche di aprire le porte ai mercati internazionali”. Con questo in mente, ha notato che ci sono già 9.000 PMI spagnole che operano in Amazon, creando 14.000 posti di lavoro, e che nel 2019 hanno esportato prodotti per un valore di 500 milioni di euro.

Con questo in mente, il programma “Despega” sponsorizzato da Amazon insieme a istituzioni come AECOC, Cepyme o ICEX lo ha valutato per aiutare 5.000 PMI nazionali a iniziare con la vendita al dettaglio online attraverso risorse di formazione online. ‘gratuito.

Lascia un commento