Enel sta lavorando con Eni per studiare lo sviluppo di progetti di idrogeno verde

MADRID, 2 dicembre (EUROPA PRESS) –

Le società energetiche italiane Enel ed Eni stanno studiando congiuntamente due progetti pilota per fornire alle raffinerie della compagnia petrolifera idrogeno verde, hanno riferito entrambe le società.

In particolare, i due gruppi prevedono di produrre idrogeno verde con elettrolizzatori che funzionano a energia rinnovabile e si trovano vicino a due raffinerie Eni, dove l’idrogeno verde sembra essere la migliore opzione per la decarbonizzazione.

Ciascuno dei due progetti pilota sarà dotato di un elettrolizzatore di circa 10 megawatt (MW) e si prevede che inizi a produrre idrogeno verde tra il 2022 e il 2023.

Tale patto potrà essere oggetto di successivi accordi vincolanti che le parti potranno determinare ai sensi della normativa applicabile, ivi compresi quelli relativi alle operazioni tra parti correlate, dichiarano le società.

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Enel, Francesco Starace, ha sottolineato che l’azienda energetica italiana “è interessata ad esplorare con Eni il promettente settore dell’idrogeno verde”.

“Insieme abbiamo trovato alcuni luoghi in cui iniziare i primi progetti. Il nostro sistema complessivo funzionerà come un ciclo chiuso in cui l’elettrolizzatore alimentato da energie rinnovabili e la raffineria si incontrano nello stesso luogo, evitando così la costruzione di una complessa infrastruttura di trasporto per il trasferimento di idrogeno “, ha detto il manager, che ha detto che il piano dovrebbe avere il primo sistema operativo prima della fine del suo attuale piano triennale.

Intanto, l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi ha affermato che l’obiettivo è “accelerare” la riduzione dell’impronta di carbonio del gruppo mettendo in pratica la migliore soluzione low carbon disponibile “verde o blu”, ridurre le emissioni. direttamente così come la decisione di utilizzare prodotti biologici durante la consegna ai nostri clienti. “

Nel segmento dell’idrogeno verde, Enel, capogruppo della spagnola Endesa, realizza progetti anche in Spagna, Cile e Stati Uniti.

Se i miglioramenti economici attesi dell’industria dell’idrogeno verde dovessero essere confermati, il gruppo prevede di aumentare la sua capacità di produzione di idrogeno verde a più di 2 gigawatt (GW) entro il 2030.

Lascia un commento