Gli assicuratori di Spagna, Francia, Italia, Polonia e Romania chiedono esenzioni dal requisito di coorte annuale

MADRID, 12 febbraio (EUROPA PRESS) –

Le associazioni di assicurazioni di Francia, Italia, Polonia, Romania e Spagna chiedono un’esenzione dall’obbligo di condurre coorti annuali di contratti assicurativi e si rammaricano che il processo di revisione dei principi contabili IFRS 17 non abbia affrontato questa agitazione.

In una dichiarazione congiunta rilasciata dopo che l’International Accounting Standards Board (IASB) ha modificato il principio contabile IFRS 17, hanno assicurato che il regolamento non riflette adeguatamente la reale natura economica dei contratti assicurativi e che complessitĂ  e costi “non necessari”.

In particolare, ritengono che il principio IASB “non rifletterĂ  adeguatamente la reale natura economica dei contratti assicurativi” perchĂ© il requisito proposto dallo IASB di condurre coorti annuali non tiene conto del principio di reciprocitĂ  nei contratti di assicurazione sulla vita con condivisione del rischio tra generazioni o contratti che utilizzano tecniche di corrispondenza dei flussi tra generazioni (ad es. quelli esistenti nel mercato spagnolo).

D’altra parte, hanno dimostrato che il monitoraggio delle coorti annuali aggiungerĂ  “complessitĂ  e costi inutili” nel tempo, man mano che le aziende sviluppano nuovi sistemi informatici o modificano quelli esistenti, così come i processi attuariali e contabili.

“Se questo problema non viene risolto, l’utilitĂ  delle informazioni da rendere disponibili sarĂ  notevolmente ridotta e i costi di conformitĂ  ai requisiti in materia di informazioni saranno notevolmente aumentati”, afferma il comunicato.

Le associazioni hanno riconosciuto il “vasto lavoro” dell’EFRAG nell’analisi delle disposizioni e dei problemi sollevati da questa nuova norma e hanno accolto con favore l’opportunitĂ  di affrontare il problema su questioni specifiche allegate alla consulenza tecnica sull’adozione della norma.

Come hanno sottolineato, è “di enorme importanza” introdurre un’esenzione dall’obbligo di condurre coorti annuali di questi contratti, tenendo conto del loro “alto impatto” sulle compagnie di assicurazione.

Per questo motivo hanno chiesto alla Commissione Europea e agli Stati Membri di sviluppare una soluzione europea nell’ambito dell’attuale processo di approvazione del Parere Tecnico dell’EFRAG sull’applicazione degli IFRS, che possa risolvere il problema delle coorti annuali. 17 °

“La soluzione europea non dovrebbe impedire alle societĂ  che vogliono applicare il requisito di coorte annuale dello IASB ai sensi dell’IFRS 17 di farlo”, hanno sottolineato le associazioni, che hanno chiarito che la soluzione in questione non dovrebbe in nessun caso la data di applicazione del 1 ° gennaio Influenzare 2023 .

Lascia un commento