Il figlio dell’attaccante del Crotone Simy è stato nominato cittadino onorario di Crotone dopo insulti razzisti

ROM, 27 marzo (dpa / EP) –

Il figlio del calciatore del Crotone Simy è stato nominato cittadino onorario della città dell’Italia meridionale dopo essere stato al centro di insulti razzisti sui social media, hanno riferito i media italiani.

L’attaccante nigeriano Simy, che sta giocando la sua quinta stagione in Serie A, ha pubblicato insulti contro di lui e suo figlio su Instagram la scorsa settimana. “Rendiamo famoso questo ragazzo perché se lo merita”, è stato il commento ironico di Simy sul post che voleva che suo figlio morisse. Anche il suo compagno di squadra algerino Adam Ounas aveva denunciato insulti razzisti all’inizio di questo mese.

“Crotone ti ama e ti abbraccia simbolicamente”, ha detto il sindaco Vincenzo Voce dell’agenzia di stampa ANSA. “Le persone si sentono vicine a te e ti ringraziano perché denunciando questo episodio inaccettabile ti sei mostrato un grande uomo e hai dato un esempio prezioso”, ha aggiunto.

Il 28enne Simeon Tochukwu Nwankwo, noto come Simy, è l’attaccante più efficace del Crotone con 57 gol in 142 partite di campionato. Ha segnato 13 punti in questa stagione e la sua squadra è l’ultima in classifica.

“Mi sento un croton. Sono qui da cinque anni e sento l’affetto delle persone e le ringrazio. Volevo riportare quello che mi è successo perché i calciatori devono dare l’esempio. Molti giovani lo sono ci guarda ed è importante dare loro messaggi appropriati “, ha detto Simy.

Lascia un commento