Judith Mateo completa l’omaggio a Vivaldi e pone con il violino la ciliegina sulla torta il suo inverno come preludio a una nuova tappa

CUENCA, 18 febbraio (EUROPA PRESS) –

La violinista di Cuenca, Judith Mateo, ha appena concluso il suo speciale omaggio a Vivaldi interpretando il primo e il terzo movimento dell’inverno, completando così il suo ciclo di versioni delle quattro stagioni del compositore italiano con due singoli ora disponibili su tutte le piattaforme digitali Sono disponibili .

L’artista internazionale chiude il cerchio iniziato con la primavera e si trova ora ad affrontare un nuovo viaggio musicale che rischia di essere più trascendentale e diverso.

Dopo l’edizione autunnale anche da Oso Polita Records; e le interpretazioni di Verano e Primavera rispettivamente nel loro sesto e settimo album, Judith Mateo presenta l ‘”Allegro” e il “Presto” dell’inverno senza perdere la loro essenza e la forza del violino, completando così le varie versioni di The Four Seasons di Vivaldi.

L’inverno sfida le convenzioni in entrambi i movimenti e dà una svolta alla musica classica e al rock. Nel brano, come spiega il sommario, il violino assume una nuova dimensione musicale. Judith ha usato la sua carriera di violino e la vasta conoscenza della carriera del compositore italiano per onorarlo come parte del suo già vasto repertorio musicale.

Judith Mateo è stata appena nominata “Miglior strumentista” per la terza volta consecutiva dalla rinomata rivista “La Heavy”.

La violinista, presentatrice e scrittrice ha dichiarato di essere molto orgogliosa di ricevere questo premio dai lettori della rivista rock più antica d’Europa.

“Da qui incoraggio tutti gli strumentisti della nostra musica a continuare a lavorare per rendere il nostro ruolo nel rock nazionale ancora più visibile”, dice Mateo, che sta già pianificando un nuovo lavoro alla fine di quest’anno in cui svilupperà un nuovo musical Facette, precedentemente “sconosciuto”.

Il video di quest’ultimo numero si trova sotto questo link.

Lascia un commento