La polizia arresta un rifugiato francese ricercato a Barcellona nel 2009 per lo stupro di una donna di 84 anni

MADRID, 21 gennaio (EUROPA-PRESSE) –

Gli agenti di polizia nazionale hanno arrestato a Barcellona un rifugiato francese che era responsabile dello stupro di una donna di 84 anni nel suo paese nel 2009. Sebbene abbia usato una falsa identità italiana per nascondersi in Spagna, è stato trovato in Spagna e arrestato nella città di Casteldefels a Barcellona.

L’uomo di 48 anni arrestato indossava un OEDE (European Arrest and Surrender Order) emesso dall’Alta corte di Saint-Étienne per stupro. Gli eventi si sono svolti a Saint-Genest-Lerpt, in Francia, nel giugno 2009, quando il rifugiato ha chiesto da bere dopo aver portato la vittima a casa sua in un veicolo e averla violentata a casa.

L’arresto di uno dei criminali più ricercati in Europa è stato effettuato in coordinamento con la polizia francese tramite la rete ENFAST.

L’identificazione dell’autore è stata raggiunta solo nel 2012. A quel punto, a causa del suo arresto per un crimine di violenza coniugale, il suo DNA lo ha identificato come sospettato dello stupro della vecchia. Nel 2016 è stato condannato a una pena detentiva di 10 anni.

Grazie all’agile contatto tra la polizia spagnola e quella francese, l’ubicazione e l’arresto del rifugiato potrebbero avvenire lo stesso giorno in cui il punto di contatto francese della rete ENFAST ha inviato con urgenza informazioni sulla presenza della persona ricercata in Spagna.

Dopo un’analisi approfondita delle informazioni, gli investigatori spagnoli hanno localizzato il rifugiato nella città di Casteldefels a Barcellona, ​​dove è stato arrestato da agenti della Polizia Nazionale. Al momento dell’arresto, il rifugiato indossava una falsa carta d’identità italiana.


539437.1.260.149.20210121185046


Lascia un commento