La professoressa Carmen Blanco ripristina la biografia di Dante di Boccaccio

CÓRDOBA, 18 dicembre (EUROPE PRESS) –

La professoressa di filologia italiana all’Università di Cordoba (UCO), Carmen Blanco, commemora i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri nel 2021, uno dei massimi esponenti della letteratura medievale e autore della “Divina Commedia”. ha pubblicato un’edizione critica con la traduzione del “Trattatello in laude di Dante”, biografia dello scrittore italiano che Giovanni Boccaccio scrisse nel XIV secolo.

L’opera intitolata ‘Vita di Dante Alighieri. Il trattato in onore di Dante Alighieri Florentino, un famoso poeta, è stato pubblicato da Peter Lang Verlag con il sostegno dell’Università di Cordoba. Inoltre, questa edizione contiene la traduzione del primo manoscritto autografo Toledano 104.6, che Boccaccio scrisse a metà del XIV secolo e che è conservato nella Biblioteca Capitolare di Toledo, e per la prima volta la traduzione della seconda versione Chigiano in spagnolo LV176, che riscrisse pochi anni dopo ed è amministratore della Biblioteca Vaticana a Roma.

In questa biografia, Boccaccio cerca di diffondere il carattere di Dante Alighieri come precursore di un nuovo modo di comporre in poesia, che lo ritrae come un modello per i successivi poeti dell’umanesimo e del Rinascimento, compreso lo stesso Boccaccio.

Oltre al suo capolavoro, la “Divina Commedia”, in cui racconta il viaggio tra inferno, purgatorio e paradiso in compagnia del poeta Virgilio, San Bernardo e la musa Beatriz, Dante sviluppa il suo stile nella “Vita nuova” e in altre opere di minori , ha scritto il saggio “De Vulgari Eloquentia” basato sull’esempio della lingua italiana e il trattato “Convivio”, in cui commenta alcune sue canzoni da un punto di vista filosofico.

Nel “Trattatello in laude di Dante” Boccaccio non solo vuole svelare l’opera del poeta fiorentino, ma vuole anche lasciare una testimonianza dell’uomo che fu Dante Alighieri e fornire dati concreti sulle sue origini, sulla sua vita pubblica e privata e sulle sue opere. Boccaccio, insomma, dipinge un ritratto fisico e morale allo stesso tempo dello scrittore fiorentino, divenuto canone delle biografie successive.

La professoressa Carmen F. Blanco, traduttrice di questo numero, è responsabile accademico del gruppo di ricerca “Studi di filologia e traduzione italiana”. I suoi principali interessi di ricerca sono la letteratura italiana del Medioevo e del Rinascimento, la critica testuale e gli studi sulla traduzione.

Lascia un commento