L’Italia accelera le procedure per l’uso di emergenza di anticorpi contro COVID-19

MADRID, 6 febbraio (EUROPE PRESS) –

Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza ha annunciato sabato che accelererà il processo di approvazione dei trattamenti anticorpali per alcuni pazienti con coronavirus.

In particolare, il ministro ha firmato un decreto sulla somministrazione di trattamenti a base di anticorpi monoclonali, che sono principalmente anticorpi geneticamente modificati.

Anche l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Assessorato alla Sanità hanno dato il via libera ai trattamenti, ha aggiunto Speranza in un messaggio sul suo account Facebook.

“Con tutto questo, insieme ai vaccini, abbiamo un’ulteriore opportunità per combattere il COVID-19”, ha annunciato il ministro.

L’AIFA ha stabilito che questi trattamenti verranno offerti ai pazienti di età superiore ai 12 anni nonostante la mancanza di dati completi e “l’incertezza sui benefici di tali farmaci”.

In particolare, le persone infette che non si trovano in ospedale devono essere trattate con sintomi da lievi a moderati che sono a rischio di possibile deterioramento della loro salute.

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha annunciato all’inizio di febbraio di aver iniziato a testare il farmaco REGN-COV2 (Regeneron) per il suo utilizzo, sebbene alcuni virologi, secondo alcuni pareri, abbiano scoraggiato le speranze di un trattamento “miracoloso”.

L’Italia è stata duramente colpita dalla pandemia, registrando ad oggi più di 90.000 decessi legati alla malattia, mentre il numero totale di casi supera già i 2,6 milioni.

Lascia un commento