L’Italia batte un record con quasi 38.000 contagi in un giorno e aggiunge altri 636 decessi


MADRID, 12 novembre (EUROPE PRESS) –

L’Italia ha battuto il suo record giornaliero di infezione da quando la pandemia è iniziata giovedì, dopo aver aggiunto quasi 38.000 eventi positivi mentre il bilancio delle vittime continua a salire, con ulteriori 636 morti registrate nell’ultimo giorno.

Secondo il Ministero della Salute, degli oltre 234.600 test effettuati il ​​giorno precedente, 37.978 sono risultati positivi, contro 32.961 casi riscontrati negli oltre 225.000 test effettuati il ​​giorno precedente. Ciò porta il numero totale di infezioni nel paese a 1.066.401.

Tra i defunti, i 636 decessi confermano la tendenza al rialzo dopo i 623 di mercoledì e i 580 di martedì e mettono il numero totale di morti a 43.589.

Ci sono attualmente più di 635.000 casi attivi nel paese, di cui 29.873 persone ricoverate, 3.170 delle quali in terapia intensiva (altre 89 in più), mentre ci sono già 387.758 persone che hanno superato COVID-19, altre 15.645 in più su ultimo giorno.

Tre italiani su cinque, invece, concordano con la decisione del governo di suddividere in zone il Paese in base al rischio di contagio – rosso, arancio e giallo – e di impostare misure restrittive specifiche tra cui la restrizione, secondo un sondaggio di Emg-Acqua per l’agenzia Adnkronos. Inoltre, il 37% degli intervistati è favorevole a ordinare una restrizione a livello nazionale.

Lascia un commento