L’Italia cresce ogni giorno di contagi e morti con 14.245 nuovi casi e 347 morti

Il paese ha già superato i 75.000 morti per malattia

MADRID, 3 gennaio (EUROPA-PRESSE) –

Le autorità sanitarie italiane hanno segnalato 14.245 nuovi contagi nelle ultime 24 ore (rispetto agli 11.831 casi registrati sabato) e 347 morti (14 in più rispetto al giorno prima), secondo il bilancio pubblicato domenica scorsa dalla Protezione civile.

Con questo nuovo equilibrio, il numero totale di contagi dall’inizio della pandemia nel Paese transalpino è di 2.155.446 e il bilancio delle vittime dall’inizio della crisi sanitaria è di 75.332, uno dei più alti in Europa insieme a Francia e Regno Unito.

Tuttavia, il Ministero della Salute ha stimato che il tasso positivo è sceso nuovamente al 13,8 per cento, rispetto al 17,6 per cento di sabato. Il numero di test eseguiti finora è 102.974.

Inoltre, il ministero ha riferito che il numero di pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva è di 14 persone in più rispetto a ieri, portando il numero a 2.583 persone nel reparto di terapia intensiva.

Il numero di dimissioni nel Paese è di 1.503.900 persone e gli attuali livelli positivi sono 576.214. Un totale di 84.730 persone hanno già ricevuto la prima iniezione del vaccino COVID-19.

Con 3.419 nuovi casi, il Veneto resta la regione italiana con il maggior numero di contagi giornalieri, seguita dall’Emilia-Romagna con 1.818 e dalla Lombardia con ulteriori 1.709 casi positivi.

Lascia un commento