L’Italia raccomanda il vaccino Oxford solo per i bambini di età compresa tra 18 e 55 anni

MADRID, 30 gennaio (EUROPA PRESS) –

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) questo sabato ha approvato l’uso del vaccino contro il coronavirus sviluppato da AstrazZeneca e dall’Università di Oxford, ma ne consiglia solo l’uso tra i 18 ei 55 anni.

“L’arrivo di un terzo vaccino è un contributo importante alla campagna di vaccinazione in corso”, ha detto all’agenzia di stampa ADNKronos il direttore generale dell’AIFA Nicola Magrini. “AIFA ha fornito una guida per ottimizzare l’uso dei vaccini esistenti, sfruttando le loro diverse proprietà”, ha aggiunto Magrini.

La commissione tecnica e scientifica dell’Agenzia ha confermato la valutazione dell’Agenzia europea per i medicinali dell’efficacia del 59,5% nel ridurre le infezioni sintomatiche da COVI-19 e il favorevole rapporto rischio-beneficio del vaccino.

“Abbiamo quindi un’ulteriore valida opzione per combattere la pandemia, anche in termini di rendere più gestibile l’utilizzo di questo vaccino”, ha affermato l’AIFA in relazione al minor raffreddamento richiesto (tra due e otto gradi) rispetto al vaccino Pfizer (-70ºC) e Moderna (-20ºC).

“È uno strumento che sta intensificando la campagna di vaccinazione in Italia e sebbene i dati disponibili indichino una minore efficacia rispetto agli altri due vaccini disponibili, confrontare i tre vaccini è difficile data la diversità delle popolazioni studiate”, ha detto avviso AIFA.

“In particolare, i dati degli studi di registrazione del vaccino AstraZeneca mostrano un certo grado di incertezza nella stima dell’efficacia nelle persone di età superiore ai 55 anni, poiché questa popolazione, dove c’era una buona risposta dagli anticorpi, era scarsamente rappresentata”, continua.

Per questo motivo, si raccomanda “l’uso preferenziale di vaccini a RNA messaggero negli anziani e / o più vulnerabili” e si suggerisce “l’uso preferito del vaccino AstraZeneca fino a quando non saranno raccolti ulteriori dati in persone di età compresa tra 18 e 55 anni”. ci sono prove più solide per loro. “

Il virologo dell’Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco ha affermato che “l’uso consigliato dai 18 ai 55 anni è una precauzione”. “L’uso in questo gruppo è quindi solo preferibile”, ha aggiunto in dichiarazioni ad ADNKronos.

Lascia un commento