L’Italia riaprirà le scuole il 7 gennaio nonostante le infezioni da COVID-19

MADRID, 1 gennaio (EUROPA PRESS) –

Il governo italiano ha annunciato venerdì che riaprirà le scuole il 7 gennaio in modo che i corsi in aula possano essere tenuti nonostante la pandemia.

In un comunicato, il ministero dell’Interno ha sottolineato che deve essere garantita un’istruzione “sicura” nonostante il coronavirus. Pertanto, ha affermato che le lezioni possono riprendere al 50% della capacità normale, anche se il resto degli studenti dovrà seguire la classe da casa.

Poco prima, il governo aveva dichiarato che il 75 per cento delle lezioni sarebbe stato faccia a faccia, cosa che è stata sospesa durante la seconda ondata di infezioni, soprattutto per gli studenti negli ultimi anni.

Questo è stato motivo di controversia in Italia da quando la crisi sanitaria ha colpito e le scuole chiuse completamente. Le autorità non hanno permesso la riapertura fino a settembre.

L’ultimo record del Ministero della Salute mostra che nell’ultimo giorno sono stati registrati 22.211 casi e 462 decessi, in leggera diminuzione rispetto al giorno precedente. Il tasso di positività continua a salire e si attesta al 14,1% rispetto al 12,6% di ieri. Inoltre, nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 157.524 test.

Attualmente, 22.822 persone vengono ricoverate negli ospedali del paese, sebbene il numero di pazienti nelle unità di terapia intensiva sia diminuito.

Lascia un commento