L’Italia vieta le feste private e limita gli orari di apertura per contenere la seconda ondata di coronavirus

ROMA, 13 ottobre (EUROPE PRESS) –

Il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha approvato un decreto che vieta feste private, limita la partecipazione a matrimoni, battesimi e altre cerimonie, restringe gli orari di apertura dei bar e raccomanda l’uso di una maschera anche negli Stati Uniti quando si è con le persone insieme che non vivono su questa proprietà, il tutto come parte di uno sforzo per fermare la seconda ondata della pandemia di coronavirus.

Secondo l’agenzia di stampa italiana Adnkronos, il decreto del “Presidente del Consiglio” italiano prevede che bar e ristoranti chiudano i battenti a mezzanotte e che è vietato servire cibo e bevande sulle terrazze dopo le 21 e fuori da quel momento.

Il decreto presidenziale vieta di organizzare feste private con più di sei persone all’interno o all’esterno e limita la capacità per matrimoni, battesimi e celebrazioni simili a un massimo di 30 persone. Il nuovo decreto con limitazioni per contenere la pandemia è stato approvato lunedì sera dal governo italiano dopo aver sentito i rappresentanti delle amministrazioni regionali e locali.

Il provvedimento prevede l’annullamento delle gite scolastiche ed escursioni nonché la sospensione degli sport di contatto a livello amatoriale. Il decreto limita la partecipazione a eventi sportivi al 15 per cento della capacità dello stadio, con il numero di partecipanti limitato a 1.000 per gli eventi all’aperto e 200 per i partecipanti allo spazio chiuso. Oltre alle crescenti restrizioni, il governo ha deciso di ridurre la durata della quarantena del coronavirus da quattordici a dieci giorni.

L’esecutivo guidato da Conte ha adottato tutte queste misure per fermare la portata della seconda ondata della pandemia di coronavirus. L’Italia ha confermato più di 359.000 casi di coronavirus e più di 36.200 decessi dall’inizio della pandemia.

Lascia un commento