L’ONG “Mare Jonio” accusa le autorità italiane di aver bloccato la nave

MADRID, 25 settembre (EUROPE PRESS) –

L’ONG Mediterranea Saving Humans ha denunciato che le autorità hanno bloccato “de facto” la loro nave ‘Mare Jonio’ ​​perché giovedì sera le autorità portuali di Pozzallo non hanno approvato l’imbarco di due membri dell’equipaggio.

L’organizzazione ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che i membri dell’equipaggio interessati sono un paramedico e un esperto in operazioni di soccorso in mare, ma non ha chiarito perché le autorità affermino di aver impedito loro di salire a bordo del “Mare Jonio”. Ritiene che si tratti di un “procedimento amministrativo e giudiziario” che nasconde una “precisa volontà politica”.

Con questo in mente, ha denunciato che il governo ha voluto inviare il messaggio “divieto di aiutare” alle ONG che cercano di unirsi al servizio di salvataggio in barca nel Mediterraneo centrale. Mediterranea ha avvertito che non si “arrenderà” e ha annunciato un’azione legale contro ogni ostacolo al lavoro di ‘Mare Jonio’ ​​ea difesa del suo personale – sono già aperte due indagini penali.

La nave Mediterranea Saving Humans non è la prima a incontrare problemi amministrativi e legali al largo delle coste italiane. L’ultimo bloccato lo scorso fine settimana è stato Sea Watch 4, una collaborazione tra Sea Watch e MSF.

Lascia un commento