L’UE e la NATO condannano la violenza mirata e la distruzione da parte dei talebani in Afghanistan


MADRID, 31 gennaio (EUROPA-PRESSE) –

L’Unione Europea, la NATO e le missioni diplomatiche di più di una dozzina di paesi tra cui Stati Uniti, Francia, Germania, Italia e Spagna hanno approvato questa domenica una condanna di “violenza e distruzione selettiva”, principalmente per i talebani che sono stati esercitati in Afghanistan, minando le basi di un futuro “pacifico e prospero”

I firmatari condannano “la continuazione di omicidi, rapimenti e la distruzione di infrastrutture vitali che danneggiano direttamente il popolo afghano” in atti di violenza diretti contro “rappresentanti della società civile, della magistratura, dei media, della religione, della medicina e del governo civile”.

“I talebani sono responsabili della maggior parte di questa violenza mirata, ei loro attacchi minano le istituzioni statali e contribuiscono a un ambiente insicuro in cui i gruppi terroristici e criminali possono operare liberamente”, denunciano i firmatari.

Chiedono inoltre al governo afghano di “indagare su questi attacchi in modo più attivo e trasparente e di garantire che coloro che iniziano e compiono atti di violenza contro la popolazione siano identificati e assicurati alla giustizia”.

I firmatari condannano anche gli attacchi dei talebani alle infrastrutture – “compresa la distruzione di strade, ripetitori di telefoni cellulari e centrali elettriche”. “Queste misure danneggiano solo il popolo afghano, che soffre di insicurezza alimentare e significative sfide economiche e di politica di sviluppo, principalmente a causa di decenni di conflitto, che sono esacerbati dalla pandemia in corso”, lamentano.

“I talebani”, insistono, “devono capire che le loro azioni violente e distruttive devono sconvolgere e fermare il mondo affinché la pace raggiunga l’Afghanistan”.

Lascia un commento