Mapfre guadagna 527 milioni nel 2020, il 13,6% in meno a causa della crisi Covid-19

MADRID, 11 febbraio (EUROPA-PRESSE) –

Mapfre ha registrato un utile netto di 527 milioni di euro nel 2020, in diminuzione del 13,6% su base annua dopo il rafforzamento del bilancio stanziando 132 milioni di euro per il completo deterioramento dell’avviamento da operazioni in Italia, Turchia e Stati Uniti. Indonesia con l’obiettivo di adattarsi alle nuove condizioni di mercato e consolidare le basi per continuare a crescere in modo redditizio.

Questo deterioramento non ha alcun impatto sulle posizioni di tesoreria o sui livelli di solvibilità riportati dal gruppo assicurativo.

Mapfre ha anche indicato che il suo risultato del 2020 sarà ugualmente influenzato dai sinistri Covid-19, che ammontavano a 80 milioni di euro solo in riassicurazione, e dal terremoto di Porto Rico, che è costato 68 milioni di euro in totale. Euro.

Senza questa straordinaria sinistralità e la svalutazione dell’avviamento, l’utile del 2020 rimane stabile con una leggera crescita (0,2%) rispetto all’anno precedente su base omogenea di confronto.

Il risultato di gruppo è stato di 25.419 milioni di euro, il 10,7% in meno, mentre i premi sono stati di 20.482 milioni di euro, l’11,1% in meno rispetto al 2019, a causa della situazione economica globale a seguito della crisi provocata dal Covid-19.

((Ci sarà un’estensione))

Lascia un commento