Murcia promuove la Sierra Espuña come destinazione di ecoturismo alla fiera italiana “GECO”.

MURCIA, 1 febbraio (EUROPA-PRESSE) –

La regione di Murcia ha partecipato a “GECO”, la prima fiera virtuale italiana che unisce sostenibilità, turismo d’avventura, mobilità, energia e innovazione. Durante l’incontro, il Ministero del Turismo ha mostrato al mercato italiano il Parco Regionale della Sierra Espuña come meta per la pratica dell’ecoturismo, hanno detto in un comunicato le fonti del ministero.

Questo evento, che si è svolto lo scorso fine settimana, ha avuto padiglioni espositivi, aree innovazione, tavole rotonde, “small talk” e incontri privati. Circa 200 aziende, 50 startup, 500 BuyerB2B e 5.000 visitatori B2C hanno preso parte a questo nuovo evento nel turismo mondiale, creando una community per la sostenibilità e l’innovazione.

Il ministro del turismo, della gioventù e dello sport, Cristina Sánchez, ha affermato che l’Istituto del turismo “annuncerà nel corso del 2021 il finanziamento che abbiamo contrassegnato come parte del nuovo piano di sostenibilità per il turismo che avrà come obiettivo la Sierra Espuña rafforzerà”. Secondo Sánchez, l’obiettivo è “sviluppare nuovi prodotti di turismo sostenibile, migliorare quelli esistenti e contribuire alla conservazione del patrimonio naturale, storico e culturale della regione attraverso il potenziamento sostenibile delle sue risorse”.

Il ministro del turismo ha sottolineato il “fermo impegno” della Regione ad attuare le misure del piano, che dispone di un budget di 2.750.000 euro, di cui la comunità contribuisce per il 40 per cento.

La Regione di Murcia, ha detto Cristina Sánchez, “ha preso parte a questo evento in modo virtuale, che mostra le dimensioni della destinazione con opuscoli sull’ecoturismo digitale e il Parco Regionale della Sierra Espuña, che è diventata la prima riserva naturale della regione a essere approvato dalla Carta è diventato Comitato per il turismo sostenibile “.

Lascia un commento