Naturgy, Eni ed Egitto firmano l’accordo Unión Fenosa Gas

MADRID, 10 marzo (EUROPE PRESS) –

Naturgy ha firmato mercoledì l’accordo raggiunto con Eni e il governo egiziano per risolvere amichevolmente la controversia su Union Fenosa Gas (UFG), ha riferito la società italiana.

Il presidente di Naturgy, Francisco Reynés, ha annunciato all’inizio di questo martedì all’assemblea generale degli azionisti del gruppo che l’accordo sarebbe stato chiuso questa settimana.

Con questo accordo, il gruppo spagnolo riceverà $ 600 milioni in contanti e le attività di UFG al di fuori dell’Egitto. Inoltre, il Patto esonera Naturgy dal suo contratto annuale di fornitura di gas per circa 3,5 miliardi di m3 per fornire i suoi cicli combinati in Spagna, che si è concluso nel 2029 e il
Approvvigionamento di GNL dall’Oman.

Naturgy ha così concluso un conflitto che durava dal 2012 vista la complessa situazione dello stabilimento di Damietta e si è concluso in tribunali arbitrali internazionali con un prezzo a favore di UFG di 2.000 milioni di dollari (circa 1,7 miliardi di euro) da parte di ICSID.

L’accordo raggiunto lo scorso dicembre prevedeva la messa in esercizio dell’impianto di liquefazione di Damietta in Egitto, la composizione amichevole delle controversie pendenti e la ristrutturazione societaria della stessa Unión Fenosa Gas, i cui asset sono stati distribuiti tra gli azionisti di Eni e Naturgy, e l’impianto di proprietà di Segas posseduta – partecipata al 50% da Eni e dalle società egiziane EGA (40%) e EGPC (10%).

Damietta, con una capacità di 7,56 miliardi di metri cubi all’anno, è inattiva da novembre 2012 e ha ripreso la produzione.

Il primo carico di GNL è stato effettuato il 22 febbraio, seguito da un secondo il 4 marzo, mentre un terzo, caricato presso l’impianto, è venduto direttamente da Eni ai propri clienti in Europa.

Eni ha sottolineato che questo accordo rafforzerà la propria presenza nel Mediterraneo orientale, regione chiave per l’approvvigionamento di gas naturale, risorsa fondamentale per la transizione energetica, di cui l’Egitto è il principale produttore della regione.

ATTIVITÀ DI UNIÓN FENOSA GAS IN SPAGNA.

Per quanto riguarda le attività di Unión Fenosa Gas fuori dall’Egitto, Eni rileverà le attività di commercializzazione del gas naturale in Spagna, rafforzando così la propria presenza nel mercato europeo del gas.

L’accordo arriva in un momento importante in cui l’Egitto, anche grazie al rapido ritmo di produzione delle recenti scoperte di gas naturale di Eni, in particolare nei giacimenti di Zohr e Nooros, ha riacquistato la piena capacità di soddisfare la domanda interna di gas ed è in grado di consumare il gas in eccesso Produzione per export tramite impianti GNL.

Lascia un commento