Rinviato il processo tra Banco Santander e Andrea Orcel

Il motivo potrebbe essere uno stretto contatto con il coronavirus

MADRID, 9 marzo (EUROPA PRESS) –

Il procedimento contro Banco Santander per la mancata firma del banchiere italiano Andrea Orcel è stato sospeso fino a nuovo avviso, riferiscono fonti legali a Europa Press.

Il motivo potrebbe essere lo stretto contatto con il coronavirus.

Era previsto che questo mercoledì il processo contro la firma frustrata di Orcel come amministratore delegato di Santander si sarebbe svolto presso il tribunale di primo grado 46 a Madrid, per il quale il banchiere chiede 112 milioni di euro all’entità spagnola.

Il presidente di Santander Ana Botín avrebbe dovuto essere presente per rappresentare l’imputato, mentre l’ex capo del dipartimento delle risorse umane di Santander, Roberto di Bernardini, è stato chiamato come testimone. Mark Shelton, Direttore globale della compensazione di UBS; il Presidente di UBS, Axel Weber, e il Segretario Generale e Segretario del Consiglio di Amministrazione del Banco Santander, Jaime Pérez Renovales. Questo martedì, tuttavia, il processo è stato sospeso fino a nuovo avviso.

Orcel, recentemente nominato amministratore delegato di UniCredit, ha formalizzato la sua offensiva legale contro Banco Santander nel luglio 2019 presentando una causa dopo che la società ha risolto il suo contratto di amministratore delegato.

Nella sua lettera, Orcel ha chiesto a Santander di eseguire il contratto o altrimenti richiedere un risarcimento di quasi 112 milioni di euro, compreso lo stipendio che non riceveva più in UBS e che avrebbe potuto ricevere a Santander.

Da parte sua, Santander afferma che il contratto non è mai stato formalizzato perché i termini a cui era soggetto non sono stati rispettati e che si trattava solo di una lettera che dichiarava i termini dell’offerta.

Per difendersi, la banca, presieduta da Ana Botín, ha affidato il caso nelle mani della sua sede, Uría Menéndez. Da parte sua, Orcel ha assunto lo studio legale De Carlos Remón.

Lascia un commento