Scope non vede come possibile che le principali economie dell’euro, compresa la Spagna, ridurranno il loro debito a breve termine

MADRID, 23 novembre (EUROPA PRESS) –

La società di rating Scope Ratings non ritiene fattibile che le principali economie dell’euro (Germania, Francia, Italia e Spagna) possano ridurre il proprio debito nel breve periodo in considerazione dell’indebolimento del rapporto tra prodotto interno lordo (PIL) e prospettiva di crescita economica.

In una dichiarazione rilasciata lunedì, l’agenzia ha avvertito che l’allentamento fiscale e il debito obbligatorio per il 2020 “sollevano preoccupazioni sugli sviluppi del debito pubblico post-crisi”.

“Riteniamo che una crescita meno vigorosa, nonostante le politiche fiscali espansive, impedirà ai governi delle quattro maggiori economie dell’UE di abbassare il debito pubblico ai livelli pre-crisi per il prossimo futuro”, ha detto. Bernhard Bartels, Capo del Consiglio di Stato e Rating del settore pubblico.

In quest’ottica, Scope ha affermato che i governi delle quattro principali economie dell’euro contano più sulla crescita economica che sugli aggiustamenti di bilancio per ottenere il consolidamento del bilancio. È stato anche avvertito che avevano a che fare con “scenari rialzisti” per la crescita a lungo termine.

“L’adesione allo stimolo fiscale segna una pietra miliare storica per l’area dell’euro, con il passaggio dal precedente paradigma di restrizione fiscale a un affidamento prolungato su misure a favore della crescita. Tuttavia, vi è un’opportunità per aumentare il potenziale di troppo ottimista “, ha aggiunto Giulia Branz, analista del team statale e pubblico di Scope.

L’Agenzia per la valutazione del rischio ritiene che i fondi europei accelereranno alcuni obiettivi dell’UE come la transizione ecologica, ma avverte anche che altri obiettivi a lungo termine, come una forza lavoro più qualificata, devono mantenere le riforme “progresso” dell’UE.

Lascia un commento