Starace sottolinea l’impegno di Enel per l’idrogeno verde con progetti in Spagna, Italia, Cile e Stati Uniti

MADRID, 26 novembre (EUROPE PRESS) –

L’amministratore delegato del Gruppo Enel, Francesco Starace, ha evidenziato l’impegno dell’azienda energetica italiana per l’idrogeno verde e ha pianificato lo sviluppo di progetti in Spagna, Cile o Stati Uniti, oltre che in Italia con l’aiuto di Eni e Snam.

Starace ha partecipato all’European Hydrogen Forum questo giovedì, un evento a cui hanno partecipato leader del settore, responsabili politici, funzionari governativi e il campo della ricerca sullo sviluppo dell’idrogeno verde, ha affermato la società in una nota.

L’esecutivo ha celebrato il percorso della Commissione Europea per decarbonizzare la società europea. “Questo è alla nostra portata e richiede un’accelerazione degli investimenti nelle energie rinnovabili”, ha affermato.

Inoltre, ha assicurato che ci sono settori come il cemento, i fertilizzanti e le industrie chimiche, così come il trasporto via mare o aereo, “che non possono essere completamente elettrificati e necessitano di idrogeno verde se vogliamo raggiungere una società completamente decarbonizzata in futuro “. “Per questi settori, l’idrogeno verde può davvero essere la risposta alla decarbonizzazione”, ha aggiunto.

Tuttavia, l’Amministratore Delegato di Enel ha avvertito che lo sviluppo tecnologico è solo nelle prime fasi, affermando che è necessario “accelerare il ritmo e studiare attentamente gli sviluppi per evitare errori di allocazione del capitale e cercare soluzioni che devono essere testati “. prima di fare grandi investimenti. “

Enel, la società madre della spagnola Endesa, prevede di aumentare la propria capacità di idrogeno verde a oltre 2 gigawatt (GW) entro il 2030. In questa strategia, si prevede di integrare elettrolizzatori in impianti rinnovabili che producono elettricità per la vendita diretta e servizi ausiliari per supportare una maggiore capacità di penetrazione dell’idrogeno verde rinnovabile nella rete e le vendite ai clienti industriali.

Lascia un commento