Un membro di un’organizzazione criminale italiana è stato arrestato a Barcellona

BARCELLONA, 4 gennaio (EUROPA PRESS) –

Agenti della Polizia Nazionale, in collaborazione con le autorità italiane, hanno arrestato un rifugiato italiano accusato di traffico di droga e appartenente all’organizzazione criminale italiana “Sacra Corona Unita”.

Secondo un comunicato, il Tribunale penale di Lecce, che ha emesso il mandato di perquisizione, lo ritiene uno dei responsabili dell’organizzazione, della logistica e della distribuzione della cocaina tra la fine del 2017 e l’inizio del 2020.

INDAGINE E DETENZIONE

L’indagine è iniziata quando gli agenti del gruppo di rifugiati della Polizia Nazionale hanno appreso – grazie alle informazioni della polizia italiana – della presenza del profugo nella città di Barcellona.

Quando hanno trovato il presunto indirizzo in cui si nascondeva il rifugiato nel distretto di Guinardó, hanno installato un dispositivo della polizia e lo hanno arrestato.

Al momento del suo arresto trasportava documenti italiani falsi a nome di qualcun altro, ma con una foto timbrata, e avrebbe usato quei documenti per nascondersi alla polizia e alle autorità giudiziarie fino al suo arresto.

Il latitante è stato messo a disposizione del Tribunale Centrale dell’Istruzione 4 tramite il Tribunale della Guardia di Barcellona ed era in attesa che l’estradizione in Italia fosse presto giustificata.

Lascia un commento