Un sacerdote noto per aver aiutato i migranti e i poveri uccisi nel nord Italia

ROMA, 15 settembre (DPA / EP) –

Roberto Malgesini, sacerdote della diocesi di Como, nord Italia, noto per aver aiutato migranti, rifugiati e persone senza risorse, è stato accoltellato a morte per strada da un uomo con problemi di salute mentale.

“Questa mattina padre Roberto Malgesini è stato assassinato a Como da un senzatetto con problemi di salute mentale”, ha detto in un comunicato la diocesi di Como. Secondo l’agenzia di stampa italiana ANSA, il sacerdote 57enne è stato aggredito alle 7:00 nei pressi della parrocchia di San Rocco dove viveva. L’attaccante è uno straniero che ha poi denunciato ai Carabinieri.

Secondo il quotidiano “Il Corriere della Sera”, Malgesini ha coordinato un gruppo di volontari che ogni giorno davano pasti a persone bisognose. Il vescovo di Como, monsignor Oscar Cantoni, ha visitato la scena del crimine e terrà una preghiera in memoria del sacerdote assassinato nella cattedrale della città questo martedì alle 20:30.

Lascia un commento