Un uomo ricercato in Italia per la morte di otto immigrati in mare è stato arrestato in una casa occupata a Siviglia

SIVIGLIA, 18 gennaio (EUROPA-PRESSE) –

Gli agenti della polizia nazionale hanno arrestato a Siviglia un uomo ricercato in Italia per almeno otto omicidi di immigrati dalla Libia. Contro l’arrestato è stato emesso un mandato d’arresto europeo presentato dalle autorità italiane.

L’arresto è stato eseguito martedì 13 gennaio scorso, mentre il gruppo di motociclette del Dipartimento di prevenzione e intervento di Siviglia si preparava a ottemperare a un ordine di sfratto in una casa occupata in Avenida Nuestra Señora de la Oliva. nel poligono sud.

Tutti i residenti della casa in questione sono stati identificati dagli agenti in quanto sapevano che le persone ora detenute avevano un mandato d’arresto europeo per l’estradizione emesso dalle autorità italiane.

Dopo che il detenuto di 27 anni, che ha risposto alle iniziali di HT, ha verificato la sua vera identità dalla Brigata di polizia scientifica provinciale, è stato videoconferito al Tribunale investigativo centrale numero due del Tribunale nazionale, in attesa del suo immediato ricovero in carcere Estradizione in Italia, Paese richiedente.

Secondo le autorità italiane, il profugo aveva guidato un gommone dalla Libia in cui avevano perso la vita almeno otto persone. È accusato di omicidio e favoreggiamento dell’immigrazione illegale.

Lascia un commento